PENETRATION. PAIN PLEASURE PAIN PLEASURE PLEASURE

from by Anarcocks

/

lyrics

Questo è il mio corpo: prendine e mangiane.
Questi i miei denti: traccia su natiche.
Il corpo estraneo in un estraneo corpo.
Un chiodo che trafigge i palmi delle mani.
Un’altra linea che si aggiunge, che s’incrocia.
È una permuta, una muda. Sudore, nuove squame.
Come se dio ficcasse il cazzo nel sole per fottere la terra.
Uno sperma stellare cade dallo spazio, sassi nel mare.
Due statue di sale. Questo è il mio sangue:
dissetati, coppiere. Questo è il mio sperma:
lo versavano per noi e per tutti in remissione del piacere.
Rimetti. Rimetti a noi i nostri palpiti come noi li
rimettiamo al nostro cuore straziato. È veramente cosa buona e guasta, tu che mi transustanzi, io che t’ho transustanziato.
_ _ _

This is my body: take of it and eat.
These my teeth: traces on buttocks.
A body extraneous in an extraneous body.
A nail piercing the palms of hands.
Another line is added, is crossed.
It is a swap, a moulting. Sweat, new scales.
Like god poking his cock into the sun to fuck the earth.
A stellar sperm falls from space, stones in the sea.
Two statues of salt. This is my blood:
cupbearer, sate your thirst. This is my sperm:
they shed it for us and for all in remission of pleasure.
Forgive. Forgive us our throbs as we forgive
our harrowed heart. In truth it is a thing good
and rotted, you who transubstantiates me,
I who have transubstantiated you.

credits

from Hotel Oriente, released November 23, 2015
Lyrics by Marco Simonelli translated by Brenda Porster

tags

license

all rights reserved

about

anarcocks Zürich, Switzerland

A
N
A
R
C
O
C
K
S

contact / help

Contact anarcocks

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Redeem code